Nel precedente articolo avevamo iniziato a parlare di tecniche avanzate di misurazione della composizione corporea illustrando la plicometria e le circonferenze corporee.

Proseguiamo ora parlando di DENSITOMETRIA PER PESATA IDROSTATICA, che per molti anni è stata ritenuta la metodologia di riferimento delle tecniche di misurazione corporea. Questa tecnica è stata sviluppata basandosi sul principio di Archimede: si tratta di pesare il soggetto prima fuori dalla vasca piena di acqua e dopo in immersione; per questo è una tecnica densitometrica, i valori si ottengono a partire dalla densità, che è data dal rapporto tra la massa del corpo ed il suo volume. La densità della massa magra e quella della massa grassa sono ritenute costanti. Una volta stabilita la densità del corpo, si può risalire alla percentuale di massa grassa attraverso due formule: quella di Siri e quella di Brozek. Il limite principale di questo metodo sta nel possibile errore derivante dal calcolo dei volumi gassosi residui nei polmoni, o dai gas intestinali o dal parametro densità ossea che è visto come costante, ma anche dal reale volume dell’acqua, che può cambiare se la temperatura non è correttamente monitorata. (altro…)

Il menisco da un punto di vista strettamente anatomico è formato da tessuto cartilagineo-fibroso di colore biancastro, chiamato collagene di tipo 1, di consistenza dura-elastica ai fini di assorbire e ammortizzare il peso corporeo e la forza di torsione.

È una piccola struttura a forma di C che è posta tra i condili del femore e la tibia.
Nell’articolazione del ginocchio ci sono due menischi: il menisco mediale (posto all’interno) e il menisco laterale (posto all’esterno).

(altro…)

Si fa spesso l’errore di associare il “core” agli esercizi di isometria. Non è così. Gli esercizi di isometria, come precedentemente già spiegato, non sono nient’altro che esercizi in cui non vi è accorciamento/allungamento del muscolo ma bensì solamente la propria contrazione. Parlando di “core stability” andiamo a definire quello che è il “nucleo” del nostro corpo, il punto centrale da cui parte ogni movimento del nostro corpo e dei nostri arti. Va da sé, più è forte la componente del core e meglio mi muovo (a maggior ragione se sono una persona che utilizza sovraccarichi); vediamo nel dettaglio.

(altro…)

Il TABATA è un allenamento anaerobico di Interval Training.

 

L’Interval Training è un allenamento caratterizzato dall’alternarsi di esercizi ad alta e bassa intensità (o di riposo)[1].

Tra i più famosi possiamo trovare l’HIIT (High Intensity Interval Training) il quale viene eseguito con macchinari aerobici, alternando fasi al alta intensità (85-90% FCmax) per 20-30 secondi con fasi a moderata intensità (50-60% FCmax) per permettere un recupero attivo (il quale può essere completo o incompleto a seconda dell’obiettivo da raggiungere).

(altro…)

Tanti sono gli scritti e gli articoli legati a questo argomento che si possono trovare in rete che spiegano e raccontano le origini degli studi in merito: SHERRINGTON 1906 fu il padre putativo della NEUROFISIOLOGIA MODERNA; ma già DOUCHENNE DI BOULOGNE, neurologo francese 1806 – 1875, si occupò di propriocettiva; anche lo svedese IVAN PALMER nel 1938 la studiò approfonditamente; ROY ABBATT nel 1944 prese in grande considerazione il ginocchio per arrivare a FREEMAN e WIKE che nel 1967 si specializzarono sulla caviglia…fino ai giorni nostri.

(altro…)

Spesso si sofferma l’attenzione sull’esecuzione e sui carichi degli esercizi da svolgere durante l’allenamento, fattori sicuramente importanti. Raramente però si presta la dovuta attenzione al concetto di “essere presenti” quando ci si allena. Questo è il concetto introduttivo del termine Focus di allenamento, ovvero, la presenza attenta del soggetto allenante sul distretto muscolare che sta allenando, concentrazione e connessione. (altro…)

Il salire sulla bilancia per conoscere il proprio peso corporeo, ovvero il capire, espressa in chilogrammi, la forza con cui si è attratti dalla superficie terrestre, non consente di sapere se si è o meno dimagriti e non lo possiamo scoprire neppure calcolando l’indice di massa corporea o BMI (body mass index), in quanto la formula matematica che la esprime tiene conto solo di due parametri antropometrici: altezza e peso. (altro…)

Dare una definizione di cosa sia il massaggio non è semplice perché esso è una forma di terapia molto antica e complessa nata assieme all’uomo, il massaggio è recupero psichico e fisico.

Il massaggio svolge un’azione nel punto preciso dove viene eseguito, ma l’effetto poi si espande generando un benessere ancora più globale. (altro…)

L’ HATHA YOGA è una forma di Yoga basato su una serie di esercizi psicofisici, originati in India e Tibet.

Il termine Hatha è costituito da 2 parti:

  • Ha che significa sole (Pingala).
  • Tha che significa luna (Ida).

(altro…)